Home » Area Stampa »

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

“Sono un medico per l’ambiente”, al via la campagna dell’Ordine di Torino

Il medico come promotore della tutela dell’ambiente e di buone pratiche per la sua salvaguardia, presso i colleghi, gli operatori sanitari, i propri pazienti, le istituzioni e l’intera comunità. È la sfida che l’Ordine dei Medici di Torino ha raccolto, adottando e facendo propria l’iniziativa lanciata a livello nazionale da Isde Italia.

Il progetto si chiama “Sono un medico per l’ambiente” ed è stato ufficialmente presentato in occasione della Giornata Internazionale dei Medici per l’Ambiente, che si tiene ogni anno il 25 novembre.

L’obiettivo è avviare un percorso di sensibilizzazione e di formazione dei cittadini e delle amministrazioni verso scelte più virtuose, nel rispetto della salute e dell’ambiente, in cui i medici possono giocare un ruolo centrale.

Sono stati preparati manifesti da affiggere negli studi medici di Torino e provincia, che l’Ordine mette a disposizione dei propri iscritti, ed è stato creato il portale www.buonepraticheperlambiente.it, a cura dell’Isde, che funge da punto di riferimento e di informazione della campagna. L’iniziativa ha il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità oltre che di Fnomceo (la Federazione nazionale degli Ordini dei medici) e dell’Ordine di Torino.

La campagna si concentra su quattro tematiche: crisi climatica, inquinamento ambientale, stili di vita salutari, acquisti responsabili. Quattro nodi cruciali, nell’ambito dei quali sono state individuate sei buone pratiche, sei azioni quotidiane da promuovere e diffondere:

– non sprecare l’acqua;

– mangiare poca carne;

– usare la bicicletta o muoversi a piedi;

– riciclare, evitando se possibile l’utilizzo di plastica;

– scegliere cibo sano e non contaminato;

– tutelare il verde.

 

Sulla locandina viene inoltre utilizzato un messaggio, “Pianeta sano, persone sane”, dal significato particolarmente importante. Non solo perché vuole ricordare come salute umana e salvaguardia dell’ambiente siano strettamente connesse, ma perché l’Italia è tra i Paesi europei con la più bassa percezione dei rischi ambientali e, nello specifico, con una bassa consapevolezza della correlazione tra i due fattori.

“L’Ordine si occupa da tempo con grande attenzione delle problematiche di carattere ambientale, anche attraverso il lavoro della sua Commissione Medico e Ambiente – spiega il presidente dell’Ordine dei Medici Guido Giustetto -. Riteniamo che tutelare l’ambiente voglia dire anche proteggere la salute delle persone: pensiamo ai danni, ormai ampiamente riconosciuti, causati dell’inquinamento atmosferico, o ai rischi per il futuro del pianeta derivati dai cambiamenti climatici. Questo progetto vuole promuovere concretamente la diffusione di buoni comportamenti e sensibilizzare colleghi e cittadini su queste tematiche”.

 

 

22 dicembre 2021

 

In allegato, i due manifesti:

Manifesto donna

Manifesto uomo

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Print

Opportunità di lavoro

ToMe il portale giornalistico

La rivista dell'Ordine

Vedi gli altri numeri