Lettera al Presidente Cirio – Linee di indirizzo ministeriali su interruzione volontaria di gravidanza

Prot. n. 008590 del 18.09.2020

Al Presidente della Giunta Regionale Piemonte

On. Alberto CIRIO

 

In riferimento alla discussione in corso a proposito delle linee di indirizzo ministeriali sulla possibilità di eseguire in Day Hospital, in consultorio e a domicilio l’interruzione volontaria di gravidanza attraverso l’assunzione di farmaci (cosiddetto “aborto medico o farmacologico”), questo Ordine, Ente sussidiario dello Stato, nelle proprie competenze e con l’intento di supportare l’Istituzione regionale, esprime le considerazioni che seguono.

L’interruzione volontaria di gravidanza (IVG) è stata fino ora praticata da un medico del servizio ostetrico-ginecologico presso un ospedale. Le linee di indirizzo emanate ad agosto 2020 prevedono la possibilità, nei primi 63 giorni di gravidanza, di eseguire l’aborto in regime ambulatoriale o di Day Hospital con somministrazione di farmaci per via orale.

La legge  22 maggio 1978, n. 194 “Norme per la tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria della gravidanza” prevede che siano utilizzate “le tecniche più moderne, più rispettose dell’integrità fisica e psichica della donna e meno rischiose per l’interruzione della gravidanza.”

L’aborto farmacologico ottenuto mediante la somministrazione di Mifepristone seguita dalla somministrazione di prostaglandine (PGE e le più utilizzate sono il Misoprostolo oppure il Gemeprost) può essere praticato fino a 63 giorni di età gestazionale, come autorizzato da EMA e riportato nella scheda tecnica del farmaco dall’AIFA.

Il Mifepristone può essere somministrato al momento del primo accesso, sia in Consultorio che nell’Ambulatorio ospedaliero dedicato. La somministrazione è per via orale. Dopo la somministrazione di Mifepristone la donna può essere rinviata a casa. L’assunzione delle PGE è prevista di regola 36- 48 ore dopo l’assunzione di Mifepristone. L’assunzione di prostaglandine può avvenire, se la donna lo desidera, anche a casa.

E’ indispensabile che tutta la procedura prevista dalla legge 194/78 sia rispettata e che la scelta della donna dell’aborto medico sia preceduta da una consulenza medica al fine di valutare con lei che non esistano controindicazioni mediche e sociali, in particolare che la donna:

  • non sia da sola a casa
  • sia in grado di raggiungere l’ospedale con facilità
  • sia in grado di comprendere bene quello che le accadrà
  • non sia molto in ansia o non in grado di rispettare le raccomandazioni per la successiva verifica del successo del trattamento.

In ogni caso, il professionista sanitario rimane sempre a disposizione per dubbi o eventi inattesi.

L’assunzione delle prostaglandine senza necessità di ricovero in Ospedale è da tempo permessa in molti paesi d’Europa (Regno Unito, Svezia, Francia, Austria) oltre che negli USA.

La scelta di permettere l’aborto farmacologico fino a 63 giorni in regime di Day Hospital oppure in strutture del territorio, opportunamente attrezzate e con un rete organizzativa che ne garantisca la effettiva attuazione, si adegua a pratiche sicure, sperimentate a livello internazionale

Confido, Illustre Presidente, che le evidenze scientifiche sopra rappresentate rafforzino il Suo convincimento a non modificare quanto indicato dalle recenti linee di indirizzo ministeriali e approvato dalle Società scientifiche nazionali ed internazionali.

Rimanendo a disposizione per ogni ulteriore approfondimento, Le invio un cordiale saluto.

 

IL PRESIDENTE DELL’ORDINE

        (Dott. Guido Giustetto)          

    firmato digitalmente             

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Stampa

Opportunità di lavoro

Ricevuto e pubblicato

Webinar

Amministrazione Trasparente

ToMe il portale giornalistico

La rivista dell'Ordine

Vedi gli altri numeri