Home » Area Stampa »

Aggiungi qui il testo dell'intestazione

COMUNICATO STAMPA. Caso Durando: l’OMCeO di Torino si costituisce parte civile

L’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Torino (OMCeO) ha deliberato di costituirsi parte civile contro la Dott.ssa Durando. 

La vicenda nelle scorse settimane è stata seguita da cronache locali e nazionali: una donna torinese di 53 anni è deceduta a causa di un melanoma “curato” con rimedi ispirati alla nuova medicina germanica di Hamer su indicazione del suo medico di famiglia, e omeopata: Germana Durando.
Sul caso la procura di Torino ha avviato un’inchiesta e l’OMCeO di Torino, non appena venuto a conoscenza dei fatti, ha aperto una procedura disciplinare.
«Stiamo aspettando che la magistratura ci fornisca gli atti dell’inchiesta penale, materiale necessario per valutare la condotta del medico – ha  spiegato il Presidente dell’Ordine Guido Giustetto in un’intervista rilasciata a La Repubblica il 7 aprile – ma per legge occorre, anche in un caso così grave e apparentemente lampante, attendere una pronuncia di un giudice prima di trarre le nostre valutazioni», precisando di aver già contattato la Durando «per chiederle di fornire le sue spiegazioni».
La dottoressa è accusata di omicidio colposo per aver impedito alla paziente l’iter diagnostico e terapeutico che sarebbe stato necessario “sulla base delle più elementari scienze mediche” (così indica la perizia di medicina legale della procura) e di soppressione di atto pubblico per la sparizione della cartella clinica.  Il processo è previsto per l’estate.
Oggi, a indagini concluse, l’OMCeO di Torino chiarisce e ufficializza la propria posizione dichiarandosi parte civile contro l’imputata e fa luce sulle criticità di questa pratica alternativa priva di evidenza scientifica. L’OMCeO chiederà anche un risarcimento per il danno al decoro della Professione.
La dr.ssa Germana Durando praticando e diffondendo la nuova medicina germanica di Hamer, ha screditato l’immagine della professione con un ulteriore danno oltre a quello gravissimo recato alla paziente che è stata sottratta alle cure della medicina ufficiale e a trattamenti di riconosciuta efficacia.
«Le medicine non convenzionali – spiega Guido Giustetto – sono complementari, non sostitutive, della medicina ufficiale: come stabilisce con chiarezza l’art. 15 del Codice di Deontologia Medica, il medico può farvi ricorso “nel rispetto del decoro e della dignità della professione”. Inoltre, e questo è l’aspetto centrale della questione, “il medico non deve sottrarre la persona assistita a trattamenti scientificamente fondati e di comprovata efficacia”: ha dunque l’obbligo di capire tempestivamente quando sia il caso di interrompere i metodi non convenzionali eventualmente adottati e di ricorrere tempestivamente agli strumenti della medicina ufficiale, in modo da garantire al paziente le più idonee condizioni di sicurezza ed efficacia della cura. Anche l’art. 13, a tal proposito, è molto chiaro: “Il medico non adotta né diffonde pratiche diagnostiche o terapeutiche delle quali non è resa disponibile idonea documentazione scientifica e clinica valutabile calla comunità professionale e dall’autorità competente”. E ancora “Il medico non deve adottare né diffondere terapie segrete”».

 

Ufficio Stampa OMCeO Torino
3356410331

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su print
Print

Opportunità di lavoro

ToMe il portale giornalistico

La rivista dell'Ordine

Vedi gli altri numeri